fitness tracker estremo vs orologio ibrido low cost


Il segmento degli smartwatch sembra conoscere una seconda giovinezza, o meglio una fase di rilancio, in particolar modo grazie a due tipologie di wearable: quella dei fitness tracker, come il nuovo Garmin Instinct, e quella degli orologi ibridi, come il recente Mijia SYB01. 

Il colosso americano della localizzazione, Garmin, ha annunciato la disponibilità (a 299.99 euro), nelle colorazioni Graphite, Flame Red, e Tundra, del suo nuovo smartwatch, “Instinct”, dedicato a chi ama gli sport estremi, o il monitoraggio delle semplici attività sportive urbane. Il wearable, grazie alla certificazione militare 810G, permette di affrontare sbalzi termici estremi, urti, immersioni sino a 100 metri (quindi, è possibile monitorare il nuoto), potendosi orientare negli angoli più sperduti del mondo grazie alla combinazione di GPS (con collegamento alle reti Galileo e Glonass), altimetro, barometro, e bussola triassiale: “TrackBack”, invece, verrà in aiuto qualora ci si sia già persi, permettendo di ripercorrere a ritrovo il proprio tragitto. 

Dotato di profili precaricati per varie attività sportive, il Garmin Instinct permette di ottenere il feedback sulla risposta del corpo grazie al cardiofrequenzimetro, e supporta sia il monitoraggio del sonno che quello dello stress, potendo inoltrare i dati allo smartphone – dal quale si ricevono le notifiche – via Bluetooth: l’autonomia è notevole – 40 ore – nella modalità di risparmio energetico “UltraTrac”, ma scende nel caso si usi il device come smartwatch (14 ore), o si faccia un uso continuativo del GPS (16 ore). 

Anche Xiaomi ha presentato un suo wearable, tramite una società partner: si tratta dell’orologio ibrido Mijia SYB01. Il quadrante di questo wearable, elegante e minimalista nelle colorazioni bianco, grigio, e nero, si adatta a qualsiasi polso grazie al diametro da 40 mm, ed è protetto da un vetro temperato convesso leggermente curvo verso i piccoli bordi laterali.

Al di sotto, campeggiano le tacche per le ore (con il logo sotto le 12), due lancette fisiche per minuti ed ore, ed una con funzione contapassi. La comodità al polso è garantita da un fondo leggermente convesso, che riduce la superficie d’aderenza alla pelle, dal peso esiguo del device (42 grammi), e dagli ottimi cinturini in pelle da 24 mm, dotati di diversi fori. 

Le funzioni smart del Mijia SYB01, una volta connesso con lo smartphone via Bluetooth 4.0, risiedono nella vibrazione che annuncia l’arrivo di una chiamata, o la scadenza di un promemoria/sveglia impostata, e nella possibilità di instradare al telefono, tramite l’app “Mi Home” (utile anche per settare data, ora, e corretto fuso), le  informazioni sui passi fatti, potendo ottenere – in cambio – statistiche, e dati sulle calorie bruciate, le distanze coperte, la durata delle sessioni (non di nuoto, però, benché la cassa sia in acciaio inossidabile 316L e la certificazione 3ATM consenta di tenere l’orologio al polso nel mentre ci si lava le mani). Con un’autonomia di 6 mesi, garantita dalla batteria (270 mAh) a bottone (CR2430), il Mijia SYB01 è prezzato a 59 euro. 



Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *